Pompe di calore

La pompa di calore è una macchina che si occupa principalmente di trasferire calore da un livello più basso ad un livello più alto di temperatura. Si sottrae cioè calore da un corpo a bassa temperatura per utilizzarlo ad una temperatura più elevata.

Il vettore utilizzato per il trasferimento del calore è un fluido refrigerante ecologico che, fatto circolare nella pompa di calore, viene sottoposto ciclicamente a 4 diverse fasi: compressione, condensazione, laminazione ed evaporazione

La classificazione delle pompe di calore dipende dalla natura delle sorgenti (fredda e calda) oggetto dello scambio, che possono essere aria oppure acqua.

Abbiamo quindi, considerando che il primo termine indica la sorgente fredda e il secondo quella calda:

  • pompe di calore acqua/acqua dove si utilizza acqua per riscaldare altra acqua;
  • pompe di calore acqua/aria dove si utilizza acqua per riscaldare dell'aria;
  • pompe di calore aria/aria dove si utilizza aria per riscaldare  altra aria;
  • pompe di calore aria/acqua dove si utilizza aria per riscaldare dell'acqua.

Con le pompe di calore si può riscaldare d'inverno e, invertendo il ciclo, raffrescare d'estate, con notevoli vantaggi in termini di risparmio energetico ed ecologici.

Una attenzione particolare meritano le pompe di calore geotermiche, che ricavano l'energia attraverso l'acqua di falda o il terreno.

Con questa tipologia di pompe di calore, data la costanza della temperatura delle fonti utilizzate si riesce ad eliminare completamente la dipendenza dai combustibili fossili, abbattendo le emissioni inquinanti e rendendosi quindi autonomi nell'esercizio dell'impianto.